Food

Fimar. Quando la cucina professionale è italiana

Fimar. Quando la cucina professionale è italiana

Tecnologia e attrezzatura professionale. Quando si parla di questi argomenti, per qualche strano motivo, nessuno di noi Italiani pensa mai che nei confini del bel paese ci siano realtà valide, che valga la pena ricordare. È difficile ammetterlo, ma è così. Se qualcuno però ti dicesse che una delle principali aziende quando si parla di cucine professionali o attrezzature per la cucina professionali fossero italiane? Beh, non ti stiamo prendendo in giro, è vero: la Fimar è una delle SPA[1]  più affermate sul mercato, nota non solo in Italia.

Oggi ti racconteremo un po’ cosa si cela dietro questa storia aziendale, che merita davvero una pagina qui su Kitchenqb.

Dall’officina alla produzione in serie: la storia della Fimar

È il 1979 quando Oriano Tamburini decide di mettersi in proprio. Oriano ha già lavorato diversi anni nell’officina di precisione di suo suocero e sente che è giunto il momento di fondare una sua attività.

Tamburini non lascia nulla al caso: vuole specializzarsi nella produzione delle macchine per la preparazione alimentare; progetta così un Tritacarne che fa un po’ da progenitore all’ampia produzione di queste macchine oggi disponibili in diverse dimensioni.

Questo è solo l’inizio. L’inizio di una storia imprenditoriale che sa di ricerca e sviluppo, di progresso, di una capillare rete vendita, ma soprattutto di materie prime d’eccellenza, studiati – come si legge sul sito del marchio – “studiati per le esigenze di ristoranti, macellerie, bar, supermercati e attività professionali”.

Oggi, quarantadue anni dopo, l’azienda fondata da Tamburini è un SPA che produce diverse linee di prodotto, grazie a un team di professionisti che si preoccupa innanzitutto di selezionare i migliori fornitori e che segue tutta la supply chain dalla ricerca al post-vendita, assicurando performance eccezionali e una cura del dettaglio tipica del Made in Italy. Insomma: amore artigianale e precisione industriale.

Fimar nel mercato di oggi

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente saprai quanto sia difficile trovare prodotti professionali per la tua cucina a un ottimo rapporto qualità prezzo. Avrai sicuramente incontrato nella tua vita lavorativa diverse aziende. Il problema è che all’apparenza hanno tutte un buon nome, ma riservano sorprese: usura programmata, materie prime scadenti, assistenza post-vendita del tutto inesistente.

Ecco, possiamo dirlo a gran voce: Fimar non è una di queste. Tutta la sua gamma prodotti è pensata per durare nel tempo e garantire affidabilità a chiunque la scelga, per usi professionali o domestici.

A testimonianza ti descriveremo due prodotti a caso. Abbiamo analizzato la scheda della Friggitrice Elettrica da banco. Immaginatela: completamente in acciaio inox, con cestelli a rete estraibili in filo cromato, resistenze in acciaio inox (ancora) e un termostato che ti permette di regolare la temperatura dai 50 gradi ai 190. Il tutto per una capacità totale di olio di 4 litri per vasca e una capacità del cesto da mezzo chilo. Puoi avere di meglio a un prezzo contenuto? Entrambi conosciamo la risposta.

Un altro esempio il Frytop elettrico, un piano cottura in acciaio sabbiato o cromato liscio, rigato o misto di dimensioni notevoli (325×480 millimetri). A questo aggiungi un cassetto per la raccolta dei residui di cottura, che ti permette di preservare l’igiene dell’area, e il termostato di regolazione della temperatura che può arrivare addirittura a 300°C. Ah, non dimentichiamolo: anche in questo caso l’investimento è ridottissimo.

Sì. Qualità, affidabilità e una politica commerciale esclusiva sono le parole chiave di Fimar, come ampiamente dimostrato da tutti i feedback positivi che l’azienda è stata in grado di raccogliere nel tempo.


Similar Posts